10 giugno 2009

Alibi e sospetti

Potrebbe sembrare un telefilm di Poirot. Dico potrebbe perché confesso di non averne mai visto uno in vita mia. Ma del resto non ho mai nemmeno letto Agatha Christie, e proprio un suo racconto ha ispirato questo film. In una lussuosa villa fuori Parigi il senatore Henri Pagès e signora hanno l’abitudine di trascorrere i week end con gli amici. Nel fine settimana in cui si svolge il film ad esempio stanno per arrivare lo psichiatra Pierre Collier con sua moglie Claire, l’amante di lui, Esther, l’aspirante scrittore e affermato alcolista Philippe che ama Esther ed è amato da Marthe, figlia del senatore. Durante una conversazione fra Esther e Pierre veniamo a scoprire che l’uomo, tanti anni fa, ha amato una donna, Lea. E proprio Lea (interpretata da quella grandissima gnocca di Caterina Murino) fa la sua apparizione alla villa, in compagnia di Michel, autista-tuttofare. Il giorno dopo Pierre viene trovato morto in piscina. Vicino al suo cadavere c’è Claire, la moglie, con una pistola in mano. Viene immediatamente sospettata, ma – si sa – non tutto quello che è ovvio corrisponde alla verità...

Nessun commento:

Posta un commento