17 agosto 2009

La rivolta delle ex

La risposta è sì, mi vergogno un po’. Ma a Torino sono aperte 5 sale cinematografiche. E tutto quello che si poteva vedere l’ho già visto. E lo so che non me l’ha ordinato il dottore di andare al cinema comunque. Ma tant’è. Io ci sono andata. Comunque. E ho visto la rivolta delle ex. E fa lo stesso. C’è Connor Mead, sciupafemmine da antologia nonché fotografo di successo, che decide di partecipare al matrimonio di suo fratello. E mentre quasi riesce a mandare all’aria la cerimonia gli fanno visita lo spirito del Natale Passato, lo spirito del Natale Presente e lo Spirito del Natale Futuro. Ah no, questa è la trama di “A Christmas Carol” di Dickens, ma Mead non è Scrooge. Non ancora, per lo meno. Comunque lo visitano il fantasma delle donne passate, quelle presenti e quelle future. E lui scopre che è effettivamente un po’ stronzo. E diventa buono. E vissero tutti felici e contenti.Volemose bene, oh yeah.

Nessun commento:

Posta un commento