9 settembre 2009

Videocracy _ basta apparire

Cazzo. Tette. Culo. Figa.L’avvento in ItaGlia della tv commerciale, trent’anni fa. Dai primi spogliarelli caserecci a colpo grosso, passando per drive in per finire al Billionaire. In mezzo la discesa in campo e l’inevitabile ascesa del “Presidente”, con interviste alla sua vicina di casa in Sardegna, che si è inventata fotografa, a Lele Mora, uno con la faccia da satiro rincoglionito che pare si rammarichi del fatto che Silvio non è all’altezza di Benito, mentre, orgoglione, fa ascoltare tutta “faccetta nera” sul suo cellulare. Poi c’è Fabrizio Corona, che, contando banconote da 500€ sdraiato seminudo sul letto, spiega la sua personale teoria da novello Robin Hood: rubare ai ricchi per dare a sé stesso. Tutto questo visto attraverso gli occhi di Ricky, operaio bresciano che “fa” il pubblico ma che aspira, come tanti, come troppi, a diventare famoso pur non avendo nessuna qualità artistica, nonostante lui creda di essere un incrocio fra Ricky Martin e Van Damme (!) (infatti non a caso, quando scorrono i titoli di coda, il suo nome appare nel ruolo di “wannabe”. Appunto.). Fra aspiranti veline che vogliono sposare calciatori, tronisti rintronati e massaie che cantano “menomalechesilviocè”.
Cazzo. Tette. Culo. Figa.
Ho visto un film dell’orrore.

Nessun commento:

Posta un commento