22 gennaio 2010

La prima cosa bella

Bruno, insegnante in un istituto alberghiero, è infelice.
Un giorno arriva a scuola sua sorella Valeria – da cui cerca inutilmente di non farsi trovare – che gli dice che la mamma è in fin di vita.
Controvoglia accetta di tornare a Livorno, sua città natale e, giunto al capezzale della madre, iniziano ad affiorare i ricordi, a partire dall’estate del 71 quando, ai bagni Pancaldi, avviene l’elezione di miss mamma. E la sua mamma vince, e le cose in famiglia iniziano a precipitare, fino a quando il marito, geloso e possessivo, in una notte di pioggia, la sbatte fuori di casa. Da lì in poi l’esuberante Anna, grazie al suo candido ottimismo, incurante delle voci di una provincia maliziosa, riuscirà a tirare a campare alla meno peggio, facendo di tutto per amore dei suoi figli. Anche se Bruno, da tutto quell’amore fuggirà. Per tornare, negli ultimi giorni di vita della madre, ancora vitale a dispetto di tutte le prognosi mediche, e provare a riconciliarsi col passato.
Film delizioso, con un cast perfetto. Immensa la Sandrelli, bravissimo Mastandrea dall’insolita cadenza toscana, e nostalgica colonna sonora, che comprende, fra le altre, “Eternità” dei Camaleonti.
Che, essendo sempre stata una bambina allegra, adoravo.
E – anch’io – come Bruno, nelle foto avevo sempre il broncio.


Nessun commento:

Posta un commento