6 marzo 2011

Il buongiorno del mattino – (What’s the story) morning glory?

E mi perdonino i fratelli Gallagher per aver giocato con il titolo di una loro canzone. Ma se il film si intitola “morning glory” potevo forse esimermi? Probabilmente sì, volendo.
Che il “nostro” cinema del sabato sera proiettava financo “Il gioiellino”, ma se gli ultimi film che hai visto sono rabbit hole, il cigno nero e un gelido inverno, capisci anche tu che cip e ciop, i tuoi due fedeli neuroni, un altro film cupo non l’avrebbero retto, e, nella tua magnanimità, decidi di far prendere loro due ore di riposo e ti concedi una commedia leggera, di quelle dove tutto finisce bene e lo sai già dall’inizio. E così segui le vicende di Becky, logorroica produttrice esecutiva di un talk-show televisivo del mattino, che, da un giorno all’altro viene licenziata. Ma, siccome ci troviamo in una commedia americana di quelle “All's well that ends well” (tuttoèbenequelchefiniscebene), la nostra eroina trova subito un altro lavoro. No, non da commessa del turno di notte in un drugstore del Bronx, ma da produttrice esecutiva per la trasmissione Daybreak, i cui ascolti sono in caduta libera. Alla prima riunione licenzia il co-conduttore feticista e pornofilo, così si pone anche il problema di trovare un nuovo conduttore. Becky decide che ad affiancare Colleen sarà Mike Pomeroy, vecchia gloria del giornalismo, vincitore del pulitzer, inviato di guerra, ecc.ecc.ecc. che, costretto ad accettare per rispetto di alcune clausole contrattuali, inizialmente farà ostruzionismo ad ogni proposta di Becky. Fino al giorno in cui Becky riceverà una proposta di lavoro dal prestigioso Usa Today, e, allora...
Ovviamente, nonostante la protagonista sia un’irriducibile workaholic, troverà anche il tempo per innamorarsi (ricambiata) di un collega. Naturalmente affascinante, simpatico e comprensivo.
Siamo o non siamo in una commedia americana?

Nessun commento:

Posta un commento