2 agosto 2012

Cena tra amici

E’ il titolo del film.
Della cena tra amici che faremo domani sera, non avendo doti di preveggenza, mi sembra prematuro parlarne. 
Palestra chiusa, io e la bionda libere da impegni e orari da incastrare con precisione chirurgica, decidiamo per lo spettacolo tardo-pomeridiano. Come mi ha suggerito un amico quando gli ho detto che stavo andando al cinema alle 18.30, il prossimo passo è il matinée. Anche se credo che il prossimo passo sarà il nulla, considerata la programmazione cinematografica estiva. 
Ma si sopravvive lo stesso, eh? 
Il film è francese.
Che, in genere, per me, è un deterrente. 
Ma quest’anno va così. 
A me e alla bionda è piaciuto, alla Tiz molto meno. Cattivo al punto giusto, probabilmente in lingua originale sarebbe stato ancora meglio, tralasciando il fatto che io non ci avrei capito una mazza. La storia è semplice, e potrebbe ricordare vagamente Carnage di Polanski, ma meno sofisticato.
Vincent e Claude sono ospiti a cena a casa di Elisabeth e Pierre. Mentre attendono l’arrivo di Anne, moglie di Vincent, incinta di 5 mesi, chiedono a Vincent qual è il nome che hanno scelto per il nascituro. E, nel momento in cui Vincent lo rivela, si scatena l’inferno. Quando l’atmosfera sembra tornata tranquilla, arriva Anne, e, per un inevitabile gioco degdi equivoci, parte il secondo round...
Mi fa sempre uno strano effetto uscire dalla sala e scoprire che c'è ancora luce. Visto che eravamo all’Ambrosio ne abbiamo approfittato per provare il famoso gelato di Alberto Marchetti. 
Buono. Ma lontano dall'essere memorabile.
A differenza mia, che sono abbastanza vicino all'essere incontentabile. 


Nessun commento:

Posta un commento