21 marzo 2017

Condominio.
Homo condomini lupus.

E infatti ieri sera, pur non abitandoci ancora, ho partecipato alla mia prima assemblea di condominio. 
Che è iniziata alle 18.10 ed è terminata alle 20.20. E' stato molto bello. 
E niente, sono davvero contenta. Molto contenta. 
A giudicare dai presenti, credo di essere la più giovane lì dentro. E, considerato che ho la metà degli anni di Rockfeller, fatevi due conti. Praticamente il condominio è la versione sabauda della Baggina. 
Ho il dubbio che la signora che abita sotto di me sia una rompicoglioni da competizione. E' riuscita a lamentarsi perché in giardino c'è, da DUE giorni, un contenitore con dentro delle macerie. Che, nella fattispecie, provengono dalla fabbrica del duomo dal mio appartamento. E che sono in un angolo del giardino e non rompono il cazzo a nessuno.
Quasi a nessuno.
Lei è riuscita a dire che, quando apre la finestra, quel sacco le rovina il panorama. Se a qualcuno fosse venuto qualche dubbio, no, non ho preso casa nel parco della Mandria, né a Villa della Regina, ma in una via con pochissimo appeal e, soprattutto, ZERO panorama. Ma tant'è. Ovviamente stamattina le macerie sono scomparse.
Per dirvi la simpatia, quando è andata via non mi ha nemmeno guardato in faccia, figuriamoci salutarmi. 
Credo che una delle prime cose che farò - appena mi sarò trasferita - sarà alzarmi di notte e camminare coi tacchi a spillo per tutta casa, così, per dimostrarle il mio affetto.
A parte questo, ho scoperto (con immenso piacere, ça va sans dire) che quando piove le cantine diventano la succursale torinese di Yerebatan Sarayi, solo un po' più brutte, che sottoterra c'è una cisterna piena di scorie, e che il cortile ha delle pendenze fatte a cazzo (scusate se non mi viene un termine più tecnico) per cui, sempre quando piove,  ci si possono fare i fanghi.
E quindi non vogliamo riparare tutte cose? Ma minchia, certo, facciamolo subito!
Quanto costa? 
Bah, tra una roba e l'altra son 30mila euro malcontati. 
Nonostante tutto continuo ad essere pervasa da un ingiustificato ottimismo, e mi consolo pensando che, se fossi rimasta a poisonville, avrei dovuto comunque sostituire la caldaia. 

Yerebatan Sarayi, Istambul

27 commenti:

  1. Mi fa piacere vedere che pure tu sei messa bene a vicini, dovremmo aprire un circolo di recupero per riprenderci dalla vita condominiale. Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e il bello è che nemmeno ancora ci vivo, in condominio! :)

      Elimina
  2. se ti può consolare (ma non credo!) le mie cantine quando piove appena un cicinin di più prendono acqua dagli invasi limitrofi trasformandosi (l'acqua raggiunge il metro e ottanta) in "comode" piscine (dal momento che conosci la mia bassitudine!) in cui nemmeno avrei il problema di "toccare". detto ciò risultano pressoché inservibili cioè non possiamo metterci un cazzo (sempre per parlare in termini tecnici).
    Sul campionario condominiale ci sarebbe da aprire un libro lungo quanto la trilogia millennium e ancora ...
    (io intanto aspetto la festa d'inaugurazione! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti no, non mi consola molto... e temo che il campionario condominiale lo scoprirò a breve...
      Per la festa di inaugurazione avrai notizie, non temere!!!!

      Elimina
  3. La maledizione di quella di sotto. La mia è una pazza, e alle riunioni di condominio ci viene solo ed esclusivamente per rompere le palle (tipo che tutto a posto, dai che ce ne andiamo e lei solleva altre inutili questioni. L'ultima volta abbiamo finito alle 21.15).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che gioia! :)
      non vedo l'ora di riassaporare l'eccitante vita da condomina!

      Elimina
  4. Io la vivo per interposta persona la vita di condominio, nel senso che ci vive ora il mio papà, in quel condominio dove sono cresciuta e dove i bambini che giocavano con me stanno diventando nonni, pensa come stan messi i genitori, che se non fosse per le due famiglie giovani che abitano sotto e sopra l'appartamento di mio padre, lui sarebbe il più giovane, ed ha compiuto ottantadueanniottantadue!!!!!!!! Si va da quella che si mette a far bucato o le pulizie alle tre di notte, a quell'altra che mette la macchina in mezzo alla strada (stretta e a senso unico) e va su in casa a prendere una cosa che s'è dimenticata (di solito il marito), non parliamo poi di vent'anni di mobili spostati dalle due alle cinque del mattino...... purtroppo la vita in condominio è un eterno compromesso tra chi ha il cervello di capire che la sua libertà finisce dove inizia quella del piano di sopra, e chi il cervello l'ha lasciato in mezzo al rogito notarile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ho capito. o mi trasformo in un monaco zen o è la volta buona che divento un serial killer. :)

      Elimina
    2. And the pain was enough to make
      A shy, bald, buddhist reflect
      And plan a mass murder"
      ;-D Puoi fare entrambe le cose....

      Elimina
    3. Stop me, stop me stop me
      if you think that you've heard this one before!!!! :)

      Elimina
  5. Ecco perché insisto sull'andare in affitto! :-)
    Comunque le peggiori magagne le scoprirai abitandoci, non aver fretta... :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. affitto o meno, i rompicoglioni te li becchi comunque. E per quanto riguarda le magagne non ho alcun dubbio! ;)

      Elimina
  6. Noi ci siamo ridotti. Prima condominio megagalattico pieno di rompicoglioni, ora micro condominio in cui, pare, siamo tutti più o meno della stessa età (ovvero diversamente giovani). Peggio sta messa mia mamma poveraccia; lì è un campionario di varia umanità...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vedremo che succederà, gli altri - almeno, quelli che ho visto in assemblea - sembravano mediamente civili...

      Elimina
  7. E comunque, pur non abitando in condominio, io non è che sto messa meglio: sto in una bifamiliare in un contesto industriale, apro le finestre della camera da letto e mi godo il panorama del capannone di fronte, mentre sento la vicina che sposta mobili (tutte le mattine e tutte le sere lei sposta mobili nella camera da letto, che sposterà mai dico io che vive da sola in una casa di 150 mq.???) Poi ci sono quelli della casa di fianco che al sabato sera o alla domenica fanno il barbecue, e dio solo sa che mettono a cucinare su quelle braci che la casa mi si appesta. Al piano di sopra c'è una famigliola marocchina il cui capo famiglia non ha ancora capito quali sono i confini tra le due proprietà e mi parcheggia sempre l'auto "a cavallo" del nostro cancello. Gli unici che non rompono le palle sono i proprietari che stanno ai piani più alti, mentre gli affittuari stanno sotto..... ahhh, poi questi, compresa la signora a fianco mi hanno già richiamato più volte perchè la mia canessa rompe quando abbaia, che lo prendo a fare un cane grande se non per avvisare abbaiando appunto, se vede qualche cosa di "estraneo" che si aggira? e quindi, mentre intorno a noi i furti nelle case si moltiplicano, nella nostra via ancora ci salviamo. E comunque, avrò pure io il diritto di rompere le palle a qualcuno, giusto? o devo essere sempre io quella che se le ritrova frantumate!?!?!?!?

    RispondiElimina
  8. Il condominio è un mondo a sé, peggio della realtà ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. credo che il condominio rispecchi perfettamente la realtà!!!

      Elimina
  9. come sai io abito in un condominio decisamente atipico. nella mia palazzina ci sono solamente 6 appartamenti. abitati stabilmente 1 solo (il nostro) . gli altri proprietari (tra cui zii e genitori di T!) hanno tutti passato gli 80 e non hanno piu' voglia di venire in ferie in Valtellina. quindi...perfetto. a posto cosi. comunque in condominio ci si diverte anche. poi sei un donnino cosi a modo che tutti ti ameranno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ah ah ah ah ah! scusa, ma donnino a modo mi fa tanto ridere! :)

      Elimina
  10. Simpatici i tuoi futuri condomini ad aver aspettato il tuo arrivo per i grandi lavori di rinnovo :)
    Io sono felice, dopo 4 anni di condominio, di urla moleste di mamme isteriche e fritti appestanti, la bifamiliare mi sembra già il paradiso. Ce lo ripetiamo ogni domenica mattina quando alle 8.30 partono urli e schiamazzi e bambine che saltano la corda sopra la nostra testa: "manca poco".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lisa, ho pensato esattamente la stessa cosa, porcaccia la miseria ladra!
      Però vabbè, facendo due rapidi conti la spesa non dovrebbe essere proibitiva (sto cercando di trovare il lato positivo)

      Se non altro quelli sopra di me sono una coppia di pensionati, il rischio che si mettano a saltare la corda alle 8.30 della domenica mi sembra abbastanza remoto, se non altro! :)

      Elimina
    2. Io ho abitato per 6 mesi sotto una famiglia di ZINGARI pieni di figli.Non avete idea.

      Elimina
  11. Coraggio.
    È così per tutti. La gens condominis è la stessa, pagata per girare in tutte le riunioni di condominio.
    Non c'è scampo. Le stesse identiche persone le ho incontrate questa sera, alla nostra riunione condominiale.

    RispondiElimina
  12. ...ma lo sai che, per un brevissimo periodo della mia vita, ho anche pensato seriamente, che mi sarebbe piaciuto un sacco fare l'amministratrice di condominio?

    RispondiElimina
  13. Praticamente hai la spa incorporata,NON MI SPIEGO COME MAI vogliano *riparare* questi meravigliosi servizi accessori.Mah!
    Io ho una vicina massacracazzi nel condominio dove ho il mio appartamentino affittato(io vivo da cuculo col Khal),porta a fianco,per fortuna dopo 3 inquilini di cui si lagnava in continuazione,la coppia che ho dentro adesso sembra andarle a genio,allelujah!
    Cmq le riunioni di condominio sono IL MALE,sono situazioni in cui la gente si imbarbarisce brutto.

    RispondiElimina
  14. Io abito in un condominio con 6 appartamenti e nell'ultimo anno, l'ultimo appartamento al piano terra si è trasformato in un bed and breakfast (in un condominio!!) e passano ogni genere di persona!😂 Ultimamente ci abitano dei ragazzi stranieri che fanno l'università, c'è un via vai, portano a casa dei loro amici e a volte sono 20 in un appartamento!😂 Però sono abbastanza silenziosi, solo un paio di volte hanno fatto schiamazzi alla sera!

    RispondiElimina
  15. Fortunatamente non ho mai partecipato ad una riunione di condominio, ma qualche mese fa ho saltato sul letto, alle quattro di notte, picchiando sul soffitto con la tradizionale scopa, per imporre agli inquilini del piano di sopra che si stavano tirando di tutto di farla finita.
    Questo dopo chiamate al padrone di casa, bussate alla porta, serate passate ad avere pazienza. Da allora vanno d'amore e d'accordo, e ascoltano la musica solo fino alle dieci di sera. Se lo sapevo, la scopa la prendevo prima! :P

    RispondiElimina